Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
Subisce violenza nel tragitto lavoro-casa: lavoratrice addetta alle pulizie in una palestra risarcita dall'INAIL che riconosce l'infortunio in itinere.
pubblicata il 18/04/2014

L'INAIL ha riconosciuto un indennizzo di 10mila euro per il danno biologico subìto. L'istituto sottolinea che non si tratta del primo riconoscimento del genere e si tratta piuttosto della declinazione di un principio generale relativo agli infortuni in itinere disciplinato dall'articolo 12 del dlgs n. 38/2000 che tutela il lavoratore contro tutti i rischi legati alla strada, durante il percorso dal luogo di abitazione a quello di lavoro e viceversa.

INAIL ricorda che si definisce ‘infortunio in itinere' l'infortunio occorso "durante il normale percorso di andata e ritorno dal luogo di abitazione a quello di lavoro". In tale accezione sono ricomprese nella tutela tutte le modalità di spostamento (a piedi, su mezzi pubblici, su mezzo privato "necessitato", su percorsi misti), se il tragitto è collegato ad esigenze e finalità lavorative. Vengono escluse, invece, solo le situazioni che possono essere ricondotte a ipotesi di ‘rischio elettivo': per esempio, l'uso non necessitato del mezzo privato, le interruzioni o le deviazioni del normale percorso anch'esse non necessitate, oppure condotte colpevoli quali l'abuso di alcolici, ecc.

L'avvocato generale La Peccerella in materia di infortunio in itinere si esprime anche sul possibile rischio rapina e ricorda che "Di solito si tende a considerare gli infortuni in itinere solo in relazione ai rischi connessi alla circolazione dei veicoli, ma in realtà tale categoria è ovviamente assai più estesa e riguarda tutto ciò che attiene le condizioni di percorrenza del tragitto. Pertanto, rientrano nelle tutele previste dalla legge anche il pericolo di subire un'aggressione o una violenza nel caso una persona, nel tragitto per tornare a casa dal proprio luogo di lavoro, debba necessariamente percorrere una strada isolata. Proprio in virtù di questo stesso principio è stato, recentemente, riconosciuto come infortunio in itinere anche un episodio di rapina di cui è stato vittima un lavoratore".





« torna alla pagina precedente