Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
Infortunio sul lavoro. Responsabile il datore di lavoro se i dipendenti non utilizzano i dispositivi di protezione Corte di Cassazione - Sentenza n. 9167 del 16 aprile 2013
pubblicata il 07/11/2013

La Cassazione in materia di infortuni sul lavoro, con la sentenza n. 9167 del 16 aprile 2013, ha ribadito alcuni importanti principi osservando che "le norme dettate in tema di prevenzione degli infortuni sul lavoro, tese ad impedire l'insorgenza di situazioni pericolose, sono dirette a tutelare il lavoratore non solo dagli incidenti derivanti dalla sua disattenzione, ma anche da quelli ascrivibili ad imperizia, negligenza ed imprudenza dello stesso; ne consegue che il datore di lavoro è sempre responsabile dell'infortunio occorso al lavoratore, sia quando ometta di adottare le idonee misure protettive, sia quando non accerti e vigili che di queste misure venga fatto effettivamente uso da parte del dipendente, non potendo attribuirsi alcun effetto esimente, per l'imprenditore che abbia provocato un infortunio sul lavoro per violazione delle relative prescrizioni, all'eventuale concorso di colpa del lavoratore; con l'ulteriore conseguenza che l'imprenditore è esonerato da responsabilità solo quando il comportamento del dipendente presenti i caratteri dell'abnormità, inopinabilità e esorbitanza rispetto al procedimento lavorativo ed alle direttive ricevute, come pure dell'atipicità ed eccezionalità, così da porsi come causa esclusiva dell'evento."

Questa sentenza si è pertanto concentrata nel portate a galla tutti quei principi giurisprudenziali che trattano la delicata questione relativa agli incidenti sul lavoro e, proprio grazie a tali considerazioni gli ermellini hanno accolto le richieste formulate da un lavoratore che mentre lavorava, per colpa della rottura di un tubo di gomma, è stato colpito in pieno viso da un getto di soda caustica riportando lesioni molto gravi agli occhi.

Piazza Cavour, ha quindi rappresentato nelle motivazioni della sentenza che "il datore di lavoro, in caso di violazione delle norme poste a tutela dell'integrità fisica del lavoratore, è interamente responsabile dell'infortunio che ne sia conseguito e non può invocare il concorso di colpa del danneggiato, avendo egli il dovere di proteggere l'incolumità di quest'ultimo nonostante la sua imprudenza o negligenza; ne consegue che, in tutte le ipotesi in cui la condotta del lavoratore dipendente finisca per configurarsi nell'eziologia dell'evento dannoso come una mera modalità dell'iter produttivo del danno, tale condotta, proprio perché "imposta" in ragione della situazione di subordinazione in cui il lavoratore versa, va addebitata al datore di lavoro, il cui comportamento, concretizzantesi invece nella violazione di specifiche norme antinfortunistiche (o di regole di comune prudenza) e nell'ordine di eseguire incombenze lavorative pericolose, funge da unico efficiente fattore causale dell'evento dannoso."

Disapplicando la decisione dei giudici territoriali la Cassazione precisa che l'errore commesso dal giudice del merito è stato quello di aver ritenuto il concorso di colpa dell'infortunato nella determinazione dell'evento. 
Secondo i giudici del Palazzaccio l'infortunio era da addebitare esclusivamente al datore di lavoro poiché quest'ultimo non solo non ha vigilato sull'esecuzione della prestazione ma è stato proprio lui che ha portato il lavoratore ad utilizzare uno strumento inidoneo (proprio per la sua pericolosità) all'uso per cui era stato utilizzato dal dipendente che, tra le altre cose, non era stato munito neppure di occhiali protettivi.
Per tutti questi motivi dunque la Corte di Cassazione ha ritenuto che il responsabile di tutto è il datore di lavoro e, pertanto, ribaltando la decisione dei giudici territoriali, ha concluso dando ragione al lavoratore.





« torna alla pagina precedente