Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
Il datore è responsabile per l’infortunio del manovratore privo di patentino e sovrautilizzato
pubblicata il 14/03/2014

Cassazione Penale, Sez. 4, 07 marzo 2014, n. 11162 - Manovratore privo di patentino e sovraccarico di ore lavorative: la saltuaria presenza nel luogo di lavoro non esclude la responsabilità di un datore di lavoro

S.B. e E. venivano tratti a giudizio avanti il Tribunale di Udine per rispondere del reato p. e p. dagli artt. 113 e 590 cod. pen. perché, nelle rispettive qualità - la prima di legale rappresentante della R. S.r.l.; il secondo di direttore dell'ufficio di Udine che materialmente dava istruzioni in ordine alle mansioni da svolgere - creavano un antecedente causale all'infortunio di M.S. il quale, impiegato nella movimentazione di un convoglio composto da 30 carri merci proveniente dalla fonderia ABS e diretto allo scalo Partidor, scivolava dal predellino finendo nei binari e sbattendo la testa con ciò procurandosi una lesione personale consistita nella frattura della seconda vertebra cervicale e nella lussazione della quarta vertebra cervicale con postumi invalidanti nella misura del 18%.
Si contestava infatti agli imputati di aver violato le norme poste a tutela della salute e della sicurezza sul lavoro consentendo che il M. svolgesse attività di manovratore pur essendo privo del prescritto patentino e inoltre lavorasse in condizioni di estremo sovraccarico venendo impiegato in attività lavorativa sino a 300 ore mensili (rispetto alle 168 ore mensili previste) e per 14 ore nella giornata precedente l'infortunio, in violazione del decreto d.lgs. 8 aprile 2003, n. 66 (Attuazione delle direttive 93/104/CE e2000/34/CE concernenti taluni aspetti dell'organizzazione dell'orario di lavoro).





« torna alla pagina precedente