Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
Cassazione - Presidente della società e responsabile del punto vendita ne rispondono per gli indicenti dentro il supermercato
pubblicata il 06/12/2013

Corte di Cassazione Sentenza n. 25739/2012

La Suprema Corte di Cassazione ha stabilito recentemente che nel caso di infortunio all'interno di un supermercato ne risponderanno il presidente della società e, ovviamente, il responsabile del punto vendita.

Per i giudici con l'ermellino la salute e la sicurezza dei lavoratori viene prima di ogni altra cosa, e pertanto, il datore di lavoro deve sempre adottare le misure necessarie per ridurre al minimo i rischi di infortunio.

Il responsabile del punto vendita veniva condannato (sia nel primo che nel secondo grado di giudizio) per aver omesso di rendere sicuri i posti di lavoro contro la caduta di materiale del supermercato, con particolare riferimento al fatto che i cartoni del latte e dell'acqua minerale erano disposti in maniera non adeguata, al punto che (cadendo) potevano facilmente recare danno non solo ai dipendenti ma anche ai clienti che vi passavano vicino.

La condanna però è scattata anche per il Presidente del CdA della Società poiché non ha ben valutato i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori.

Del tutto inutile è stato il ricorso presentato alla Corte di Cassazione da parte degli imputati, infatti i Supremi giudici hanno rigettato i ricorsi affermando che il datore di lavoro deve garantire ai dipendenti le misure necessarie per la loro sicurezza e salute «fornendo ai lavoratori i necessari e idonei dispositivi di protezione individuale, sentito il responsabile del servizio di prevenzione e protezione» (art. 4, comma 5, d.lgs. n. 626/1994).

Inoltre, nella sentenza n. 25739/2012, la Corte continua sostenendo che in sostanza si tratta «di un precetto contravvenzionale “di pericolo” che prescinde dall’accertamento di sinistri verificatisi in conseguenza della sua violazione, perché è legato ad una prognosi ex ante circa la necessità e idoneità dei dispositivi di protezione individuale forniti ai dipendenti».

Deve dunque effettuarsi una prognosi specifica, caso per caso, affinché si possa trovare la giusta armonia nella disposizione della merce del supermercato senza che vi sia rischio per chi lavora o i clienti del negozio.

Nel caso di specie, è stata fatta questa valutazione ma il datore di lavoro avrebbe dovuto impartire prescrizioni in ordine alle modalità di impilamento e avrebbe dovuto fornire scarpe antinfortunistiche ai dipendenti.





« torna alla pagina precedente