Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
RLS responsabile per l'infortunio di un lavoratore in quanto capocantiere
pubblicata il 09/10/2015

Il capocantiere, considerata la sua qualifica e la sua presenza quotidiana in cantiere, è tenuto a un’attività di vigilanza sulla corretta esecuzione delle opere e sulla predisposizione delle misure per la sicurezza dei lavoratori

In questa sentenza della Corte di Cassazione nella quale per un infortunio accaduto in un cantiere edile è stata individuata una esclusiva responsabilità del capocantiere, mentre è stato assolto dalle accuse formulategli il rappresentante legale dell’impresa per conto della quale lo stesso operava.

La suprema Corte ha motivato questa decisione, specificando che il capocantiere, considerata la sua specifica qualifica e la sua presenza quotidiana in cantiere, è tenuto ad una attività di vigilanza sulla corretta esecuzione delle opere, sul rispetto delle condizioni di sicurezza e sulla corretta predisposizione delle opere provvisionali finalizzate a tutelare la sicurezza dei lavoratori;

Viene meno a questi suoi precisi obblighi impostigli dalla sua qualifica se, come nel caso in esame, non provvede ad una regolare attività di verifica del buono stato delle protezioni di sicurezza installate in cantiere.

La Corte di Appello ha assolto il rappresentante legale di un’impresa edile dal reato ascrittogli, mentre ha confermato la condanna inflitta dal Tribunale stesso al RLS e responsabile del cantiere dipendente dell’impresa medesima; entrambi erano chiamati a rispondere del delitto di omicidio colposo, aggravato dalla violazione delle norme antinfortunistiche, per aver contribuito a provocare la caduta da un ponte su cavalletti di un lavoratore dipendente a seguito della quale lo stesso è deceduto. Con riguardo, in particolare, alla posizione di garanzia assunta dal RLS e responsabile del cantiere la Corte di Appello ha rilevato che lo stesso era capocantiere per l'esecuzione del lavori ed ha osservato che non vi era alcun dubbio che questi avesse l'obbligo di vigilare sulla corretta predisposizione delle opere provvisionali, nel rispetto delle misure volte a tutelare la sicurezza dei lavoratori, tenuto conto delle mansioni dallo stesso in concreto svolte.

La Corte territoriale ha tenuto in considerazione che la sua quotidiana presenza in cantiere gli imponeva una attenta vigilanza sulla corretta esecuzione delle opere e sul rispetto delle condizioni di sicurezza. Lo stesso si recava quotidianamente in cantiere, agendo a stretto contatto con gli operai e, il giorno in cui il sinistro ebbe luogo era presente in cantiere ed aveva visionato il ponteggio che il lavoratore aveva predisposto, senza ravvisarvi alcuna anomalia.

La stessa Corte distrettuale ha sottolineato che il ponteggio, contrariamente a quanto previsto espressamente dal piano di sicurezza non rispettava le caratteristiche dovute.





« torna alla pagina precedente