Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro Centro Servizi, sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro
 
La sicurezza nei luoghi di lavoro T.U. 81/08 Viene gestita da un insieme di norme che riguardano i datori di lavoro ed hanno come scopo principale di rendere il luogo di lavoro sicuro mediante l'attuazione di una serie di misure di prevenzione e protezione. LEGGI TUTTO
Igiene degli alimenti Autocontrollo e sistema HACCP introducono il concetto di "prevenzione del rischio alimentare" l'operatore del settore alimentare, viene responsabilizzato in materia di igiene e sicurezza degli alimenti ed ha l'obbligo di garantire specifici standard di igiene e salubrità dei propri prodotti. LEGGI TUTTO
Formazione Il continuo sviluppo tecnologico e l'evoluzione nel mondo del lavoro hanno fatto diventare la formazione una necessità dettata dall'obbligatorietà delle varie norme ma anche dall'esigenza di acquisire adeguata consapevolezza per lo sviluppo aziendale perchè non ci può essere crescita se non c'è adeguamento di persone e culture. LEGGI TUTTO
 
News
Articolo 22 D.Lgs. n. 151 del 14.09.2015 il legislatore ha riscritto a nuovo la disciplina delle sanzioni sul lavoro nero di cui all’articolo 12 DL n. 12 del 22.02.2002, meglio conosciuta come “maxisanzione”.
pubblicata il 19/10/2015

Rispetto alla versione precedentemente in vigore (delineata dal DL n. 145 del 23.12.2013), dal 24.09.2015 i datori di lavoro che utilizzano lavoratori irregolari saranno soggetti ad una sanzione amministrativa (fermo restando l’obbligo ad assumere) parametrata sulla durata delle irregolarità: per le irregolarità minori (contenute in 30 giorni), la sanzione applicabile va da 1.500 a 9.000 euro, mentre per le irregolarità più gravi (ovvero se il rapporto prosegue per più di 60 giorni) viene irrogata una sanzione da 6.000 a 36.000 euro. A differenza di quanto precedentemente stabilito dal DL n. 145/2013, viene prevista la possibilità di ridurre notevolmente le sanzioni tramite l’istituto della diffida: qualora il datore di lavoro regolarizzi i lavoratori, quindi, potrà beneficiare della riduzione al minimo edittale della pena (ad esempio, nel caso di irregolarità grave la pena irrogata, anziché oscillare tra i 6.000 ed i 36.000 euro, sarà pari a 6.000 euro). Con la presente trattazione analizziamo alcuni chiarimenti forniti dal Ministero del Lavoro (lettera circolare n. 16494 del 07.10.2015) relativamente al regime intertemporale.





« torna alla pagina precedente